Perchè i bei libri sono come una tazza di cioccolata calda,

inebrianti ed avvolgenti ….

lunedì 17 agosto 2015

UTENA, UN SOGNO AI CONFINI DELLA REALTÀ...



UTENA, UN SOGNO AI CONFINI DELLA REALTA'...

Utena Tenjo, studentessa dell'Accademia Otori è una ragazza molto particolare.
Nonostante si comporti in modo allegro e scanzonato, più simile a un maschiaccio che a una ragazza, la sua infanzia e'stata profondamente segnata dalla morte dei genitori e dall'incontro con un famigerato "principe" che le ha restituito la voglia di vivere, e un modello di comportamento nobile e giusto a cui ispirarsi costantemente.
Anni dopo, superato il trauma la vita di Utena scorre tranquilla, fino al giorno in cui assiste per caso ai maltrattamenti che un compagno di scuola riserva alla propria fidanzata, Anthy Himemya, e senza esitare interviene per difenderla.
Questo gesto, apparentemente semplice, segnerà il suo ingresso in una realtà al di là di ogni possibile immaginazione...

La rivoluzione di Utena o Utena la fillette rivolutionaire e'un anime del 1997, ideato dal gruppo creativo Be-Papas fondato da Kunihiko Ikuhara, nome di tutto rispetto nel mondo dell'animazione giapponese per aver diretto sul piccolo schermo e reso celebri le gesta della "Combattente che veste alla marinara".
Con un simile presupposto Utena non poteva che essere un lavoro riuscito, come in effetti e' stato, inserendosi con prepotenza tra i capolavori di quel genere "filosofico/drammatico-surrealista" portato alla ribalta qualche anno prima da Neon Genesis Evangelion.
Ma che cosa rende speciale questa serie? Prima di tutto le tematiche trattate particolari e controverse (dalla scelta della propria sessualità agli amori saffici, passando per incesto e senso di solitudine), secondariamente una storia che procede a un ritmo costante, avvincendo lentamente lo spettatore fino a trasportarlo in un mondo senza tempo da cui non ci si vorrebbe mai staccare.
Il rapporto estremamente complesso tra Utena, Hunty e Akio riesce da solo a tenere in piedi la storia; a questo vanno aggiunti dei personaggi secondari particolari, ben caratterizzati e credibili.
Nonostante gli argomenti toccati siano molto seri, gli autori sono stati bravissimi nel creare un equilibrio perfetto tra momenti angosciosi e altri di umorismo totalmente nonsense che chi ha apprezzato Slayers non potrà fare a meno di amare, riuscendo in questo modo a far passare il messaggio, senza inquietare o disturbare troppo la sensibilità di chi guarda.
Un ruolo non indifferente viene giocato dalla colonna sonora ricca e curata, dalle sonorità rock-gotiche (particolarmente evocativo Il pezzo Zettai Unmei Mokushiroku), utilissima per sottolineare momenti particolarmente ricchi di pathos e adrenalina.
Ciliegina sulla torta di un lavoro già praticamente perfetto: la scelta azzeccatissima dei doppiatori italiani da Emanuela Paccotto (Un incantesimo dischiuso tra I petali del tempo), a Patrizio Prata (Sailor moon, Saiyuki, Orphen) fino a Davide Garbolino (Yu degli SpettriPokemonPiccoli problemi di cuore), tutti grandi professionisti che con l'espressività delle loro voci hanno reso immortali nella memoria dei fans le serie in cui hanno lavorato.
Su La rivoluzione di Utena ci sarebbe ancora tantissimo da dire, ma preferiamo non farlo per non privare chi non l'ha mai visto della gioia di scoprire poco a poco uno dei più grandi gioielli dell' animazione nipponica. 

Ely





Nessun commento:

Posta un commento